Un marito appeso al muro (copione)

Nuovo copione di un atto unico di Labiche, mai tradotto in italiano, disponibile in anteprima sul mio sito personale e richiedibile via mail.

Un marito appeso al muro

Un’anticipazione:
Olympia Dove state andando?
Picquefeu Dal mio sarto.
Olympia È una scusa!… Voi non uscirete.
Picquefeu Cosa?… Ma mi serve un paio di pantaloni!
Olympia (strappandogli il cappello di dosso e gettandolo a terra) Non uscirete, vi dico!
Picquefeu (raccogliendo il cappello) Ehi! Un po’ di riguardo… È il mio cappello nuovo! (A parte) Che le prende?
Olympia Se avete assolutamente bisogno del sarto… scrivetegli di venire qui.
Picquefeu È che… avevo anche intenzione di farmi un bagno.
Olympia Volete farvi un bagno?… Benissimo!
Va a destra a suonare il campanello.
Amédée (comparendo) La signora desidera?
Olympia Andate a dire che preparino un bagno al signore. (Amédée esce. A Picquefeu) Ve lo farete qui!
Picquefeu Ma volevo anche passare dal mio parrucchiere.
Olympia Il vostro parrucchiere?… Benissimo!
Va a sinistra a suonare il campanello.
Amédée (ricomparendo) La signora desidera?
Olympia Andate a prendere il parrucchiere del signore.
Amédée esce.
Picquefeu A questo punto, legatemi per una gamba!

Questa voce è stata pubblicata in Eugène Labiche teatro. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.